Verifica di fine anno

Articolo 8 del Regolamento organizzativo e didattico: Verifiche del profitto

1. Il Collegio dei docenti verifica l’assolvimento degli obblighi formativi di ciascun dottorando, definiti nel relativo Piano Formativo, secondo le seguenti modalità e tempistiche:
a) al termine di ogni anno di corso si svolgono le audizioni dei dottorandi durante le quali gli stessi presentano al Collegio un resoconto delle attività di ricerca e di didattica svolte nell’ultimo anno;
b) a valle di queste presentazioni, il Collegio si riunisce e, acquisita anche la relazione annuale del docente guida, delibera in merito al raggiungimento degli obblighi formativi definiti dal Piano Formativo e sull’ammissione all’anno successivo.
c) per il terzo anno di corso, il Collegio ascolta i candidati al titolo di dottore di ricerca e si riunisce in tempo utile per formulare il giudizio finale di ammissione/non ammissione all’esame finale in base all’attività documentata del candidato e alla relazione finale del docente guida.

2. Qualora una verifica risulti parzialmente negativa, ovvero in presenza di giustificati motivi di impedimento al completo assolvimento degli obblighi formativi del dottorando, il Collegio dei docenti può deliberare di procedere alla ripetizione della verifica annuale del profitto. Tale ripetizione ha luogo in data differita per non più di due mesi rispetto alle tempistiche di cui al comma 1 e per una sola volta nel triennio di corso di ciascun dottorando. Qualora tale caso si verifichi per un dottorando con borsa, all’atto della ricezione del verbale del Collegio con cui è disposto il differimento della verifica annuale, l’amministrazione procede immediatamente alla sospensione della borsa, la cui erogazione, comprensiva degli eventuali arretrati, riprende al momento dell’acquisizione del verbale con cui il Collegio esprime il proprio giudizio positivo sul superamento della verifica da parte del dottorando e sul regolare proseguimento delle attività formative.

3. In caso di giudizio negativo definitivo, il Collegio delibera la decadenza del dottorando dal corso e il diritto alla fruizione della eventuale borsa di studio decade definitivamente. L’esclusione dal corso del dottorando è quindi disposta con provvedimento del Dirigente competente.

4. Per gli anni accademici successivi al primo, in occasione della dell’adozione della delibera sull’ammissione dei dottorandi all’anno successivo, il Collegio, su proposta del docente guida, può deliberare di esonerare dal pagamento delle tasse gli iscritti senza borsa indicando la relativa copertura finanziaria.

 

Questa è una linea guida per la compilazione della Relazione Annuale:

  • DATI PERSONALI: Nome, Cognome, e-mail, Ciclo di appartenenza
  • TUTOR: Nome, Cognome
  • ANNO DI RIFERIMENTO: anno
  • SOGGETTO DELLA TESI: titolo
  • ATTIVITA’ SVOLTE NELL’ULTIMO ANNO:
    • RICERCA: tematiche studiate
    • FORMATIVE : corsi, seminari, scuole
    • AVVIO ALLA DIDATTICA: didattica integrativa, supporto alla didattica
    • ASSISTENZA AGLI ESAMI: quali, quando
    • DISSEMINAZIONE: seminari che si terranno, partecipazione a conferenze/congressi, pubblicazioni
    • ATTIVITA’ DI LABORATORIO: attività di sperimentazione, supporto alle tesi di laurea
  • PARTECIPAZIONE A PROGETTI DI RICERCA: attività nei progetti.
  • ELENCO COMPLETO DEI PERIODI TRASCORSI ALL’ESTERO: località, durata
  • ELENCO COMPLETO DELLE PUBBLICAZIONI (sono indicizzate da Scopus? Che impact factor hanno le riviste?)
  • BREVETTI
  • PREMI
  • PARTECIPAZIONE A COMITATI DI PROGRAMMA
  • RIVISTE PER CUI SI SONO REVISIONATI ARTICOLI